Home

MARIPOSA (logo2)

 

 

Benvenute, benvenuti  nel blog  di “MARIPOSA” e LINEA d ‘ASCOLTO

IL NOSTRO BLOG È NATO PER DAR VOCE A COLORO CHE SPESSO NON HANNO VOCE. 

Riconoscere e conoscere quello che spesso succede tra le mura domestiche in termini di danno per le donne e i minori, sapere che per violenza e maltrattamento si intende tutto ciò che implica sopraffazione psichica, economica, sessuale, oltre che fisica, vuole dire offrire alle donne la possibilità di rompere il segreto senza essere accusate di complicità, di avere la certezza che non solo chi picchia o uccide, ma anche chi insulta, svilisce o minaccia compie un reato.

 

Se sei vittima di maltrattamenti o abusi in famiglia  –   Se vivi o hai vissuto situazioni di violenza

Se conosci e vivi accanto a chi subisce violenza –   Se sei vittima di stalking

 Ricorda che non sei da sola, ma puoi chiedere aiuto

CHIAMA   Il numero verde   800926087   (puoi anche lasciare un messaggio nella segreteria telefonica)

e se lasci il tuo numero sarai richiamata. Sono garantite riservatezza e anonimato

Oppure scrivi alla seguente e-mail:  [email protected]

*********

Si informano gli utenti che alcune immagini presenti su questo blog sono state trovate su internet e liberamente riprodotte. Chiunque voglia rivalerne la paternità, può inviare un’ [email protected] Le immagini verranno immediatamente tolte dal blog (Legge nr. 62 DEL 07.03.2001).

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge nr. 62 del 07.03.2001. Ogni commento postato in questo blog è soggetto a moderazione prima della sua pubblicazione.

Be Sociable, Share!

6 commenti su “Home

  1. Johnd667 il said:

    I like this weblog so considerably, saved to my bookmarks. bebaeedeedge

  2. carla il said:

    La violenza psicologica quando è in famiglia, è forse scontata: sono proprio le persone a noi più vicine che possono ferirci, si sa.
    Io vorrei sollevare un velo sulla violenza esercitata negli ambienti di lavoro: è forse legittimata?
    Vogliamo affrontarla?
    Io sono testimone/vittima di una macchiavellica macchinazione ordita proprio da una donna che portava la bandiera della tutela della famiglia (la sua), del diritto alla maternità (la sua), del rispetto della dignità (la sua).
    L’ultima volta che l’ho incontrata -io disoccupata- è stato in un bar. Lei era con suo marito e mi hanno voluto offrire un caffè (gli ho dato l’occasione di fare qs bel gesto!): ebbene mi hanno lasciata da sola al bar a berlo….
    Carla

  3. carla atella il said:

    La vera difesa della identità femminile richiede che in primis le ” donne” dismettano la
    divisa dell’ardita guerriera a caccia di rispetto.
    Che inizino a difendere il proprio corpo disarmato con le arti che le sono proprie: saper ascoltare, comprendere, saper guardare lontano, saper buttare il cuore oltre l’ostacolo.
    Quando arrivano insulti o minacce, e’ troppo tardi.
    C.A.

  4. Buonasera..
    ho sentito al tg7 che una sedicenne di Melito Reggio Calabria e’ stata violentata da anni da più….. alla fiaccolata hanno partecipato solo in 400 su migliaia di abitanti.
    Mi chiedo perché le associaz non organizzano manifestaz/ fiaccolate in tutta italia donne e tutti chi vuole esserci non andiamo in piazza a dare voce e volti ogni volta a questi fatti? ? E'”ora di finirla con i silenzi!! Ma potete immaginare come si possa sentire questa giovane donna dopo quello che ha passato e il silenzio attorno? ? Farci sentire potrebbe darle forza e
    scioglierebbe il gelo Dell omerta’!
    Questo propongo a mari posa e alle associaz tutte di unirci e uscire fuori ogni volta sempre. Scusate il messaggio accalorato ma non se ne può più siamo pronti a dire Je suis charlye ecc. E tutte le altre atrocità vicine e lontane??

Lascia un commento

*