Il nostro “8 MARZO” per uscire dal labirinto

 

 

E’ estremamente importante lanciare un messaggio positivo per far capire alle donne vittime di abusi e violenza che una strada per liberarsi dalla condizione subita c’è sempre.

In primo luogo però bisogna essere in grado di riconoscere i segnali ed i campanelli d’allarme, bisogna cioè capire quello che è o non è amore.

Ed è per questa ragione che l’ Associazione Mariposa, per la ricorrenza dell’ “8 marzo 2018” ha accolto con entusiasmo la proposta pervenuta dalla Caritas Ambrosiana e dal Decanato di Trezzo per l’installazione di tre strumenti dal titolo “Non è amore“.

Si tratta di un percorso multimediale dedicato al tema del maltrattamento e della violenza sulle donne. Il percorso esperienziale inizia con la presentazione di un video, una visione che smonta i pregiudizi sul rapporto uomo-donna nel lavoro, nell’educazione, nella comunicazione, attraverso le culture nel mondo. Al video fa seguito l’attraversamento di un un labirinto. Qui i visitatori sono circondati da un sistema di pareti alte circa 2 metri che nel percorso illustra con scritte e immagini il tortuoso procedere di atti, frasi, sottintesi che si auto-alimentano in una relazione: indizi sottili, spesso ambigui, che possono portare fino alle estreme conseguenze. Ci si trova all’interno di un rapporto di coppia dove la violenza inizia da piccoli gesti e parole, atteggiamenti, apparentemente innocui, persino banali che ripetuti, diventano però una spirale avvolgente di incomprensione e rancore, dentro la quale, quasi senza accorgersene, si scivola e se ne rimane intrappolati come in un labirinto. Proprio a partire da questa metafora è nata l’installazione.

Terminato il percorso sensoriale, si accede ad un’ulteriore fase, quella della “messa in gioco”, della riflessione, curata e guidata da nostre operatrici.

La visita dell’installazione “Non è amore” dura circa un’ora e avviene in piccoli gruppi.

Il percorso è nato dall’idea degli studenti dello IED Istituo Europeo di Design ed è stata poi sviluppata da SVS DAD Onlus, Caritas Ambrosiana e Soccorso Violenza Sessuale e Domestica della Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico, nell’ambito di un progetto di sensibilizzazione contro la violenza di genere, realizzato per il Comune di Milano. E’ già stato posizionato in diversi comuni dalla provincia di Milano e lo scorso Novembre è stato presentato a Milano nella Galleria Vittorio Emanuele. 

Questo progetto è dedicato a tutte le donne, a tutti gli uomini, ma in particolare è rivolto ai giovani, in quanto è una grande opportunità per comprendere che la violenza non è amore, ed è importante riflettere sui meccanismi comportamentali per riconoscere i segnali che portano al sopruso.

Il messaggio propositivo che Mariposa lancia per questo “8 marzo” è USCIAMO DAL LABIRINTO DELLA VIOLENZA ATTRAVERSO LA CONOSCENZA. Siamo convinte che le donne sono forti e dopotutto, come ci viene raccontato anche dalla mitologia greca fu Arianna e non Teseo a sapere come uscire dal labirinto.

INAUGURAZIONE GIOVEDI’ 8 MARZO ORE 09.00

presso : EX Oratorio Femminile (Via Vittorio Veneto) a Trezzo sull’Adda

L’installazione sarà visitabile dal 08 all’11 marzo 2018 sia individualmente che in gruppo, in tal caso si chiede di prenotare, telefonando o inviando una mail ai recapiti sotto indicati

per info e prenotazione gruppi: cell. 3311255395 mail [email protected]

Orari di apertura:

GIOVEDI’ 8 MARZO – VENERDI’ 9 MARZO

dalle ore 9.30 alle ore 12.30 – dalle 14.30 alle 18.30

SABATO 10 MARZO – DOMENICA 11 MARZO

dalle ore 9.30 alle ore 12.30 – dalle 14.30 alle 19.30

Precedente NUOVO SITO per Associazione "Mariposa" e "Linea d'Ascolto" Successivo “La violenza è un Labirinto: NON E’ AMORE” dall'8 all'11 marzo