Le donne negli sguardi del cinema per “8 MARZO” E DINTORNI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In occasione della festa della donna il gruppo “Mariposa” in collaborazione con l’Associazione “Apriti” organizza nel mese di marzo una rassegna cinematografica invitando a 3 diversi appuntamenti.
Questi incontri avranno come filo conduttore le storie delle donne raccontate attraverso la lente del cinema. Sarò un’occasione per riflettere su stereotipi culturali, partendo dalla lettura del linguaggio cinematografico che costruisce simbolicamente significati e differenze.
Domenica 12 Marzo ore 17.00 conferenza con la Dott.ssa Patrizia Canova esperta di cinema, che ci guiderà nella visione e nell’analisi di diverse sequenze filmiche capaci di narrare il protagonismo delle donne nella lotta per i diritti ed il loro ruolo professionale e sociale.
Patrizia Canova è insegnante e formatrice nel campo dell’educazione all’immagine, della didattica del cinema e degli audiovisivi e dell’educazione allo sviluppo e interculturale. Autrice di documentari di carattere educativo-sociale, è responsabile del settore Comunicazione e fund raising della ong ACRA e membro della consulta direttiva del CEM.

DA “VISIONI” di Patrizia Canova
Il cinema è l’opera d’arte per eccellenza del nostro secolo, è uno strumento che permette di “viaggiare con lo sguardo” nell’universo dell’onirico, del fantastico o del “ferocemente reale”, mettendo in moto sentimenti, emozioni e sensazioni. È una curiosa forma di comunicazione che, proprio perché si basa sulla contaminazione-associazione di più codici, può diventare un vero e proprio strumento di studio linguistico.
In un’epoca in cui si tende sempre più, attraverso un’offerta televisiva spesso di bassa qualità, a omologare pensieri e gusti, a rafforzare stereotipi e visioni convergenti del mondo, a consumare immagini in maniera spesso acritica e passiva, il cinema si può caratterizzare come esperienza di visione davvero “altra” e diversa, il cinema può regalare svariate occasioni in cui attraversare storie, luoghi e situazioni e farsi attraversare da sensazioni, domande, pensieri sul proprio mondo interiore e sui mondi fuori da sé. Il cinema non riproducendo semplicemente la realtà, ma reinventandola, può offrire agli spettatori una miniera di storie infinite tutte da scoprire, capire, interpretare, può contribuire a costruire l’identità di ciascuno, può stimolare a riconoscere meglio le proprie emozioni, può incidere sulla creazione dell’immaginario, può aiutare a esplorare, sentire, guardare in modo diverso, a volte nuovo, lo spazio vicino e lontano. E dunque viaggiare nel cinema e con il cinema, guardare i film con gli occhi e con il cuore, può divenire una nuova esperienza di viaggio da consumarsi nella relazione educativa 

Patrizia Canova – immagine dal web

 

Domenica 19 Marzo ore 17.00    Proiezione del film “7 MINUTI”
Donne, lavoro, crisi economica. Il film di Michele Placido prende spunto da una vicenda francese realmente accaduta per raccontare la storia di un gruppo di operaie di una piccola azienda tessile che si ritrovano a dover decidere se accettare o meno l’offerta di una multinazionale. Il cast è ricchissimo: Ambra Angiolini, Cristiana Capotondi, Fiorella Mannoia, Maria Nazionale, Ottavia Piccolo, Violante Placido.

“7 minuti” – immagine dal web

 

 

 

 

 

 

 

 

Domenica 26 Marzo ore 17.00  Proiezione del film “LA PAZZA GIOIA”
di Paolo Virzì con Valeria Bruni Tedeschi e Micaela Ramazzotti
Virzì firma un vero gioiello, un’opera che con una sensibilità non usuale guarda al mondo femminile unendo ironia, buonumore e dramma.
Valeria Bruni Tedeschi e Micaela Ramazzotti interpretano magnificamente due donne che si incontrano in una comunità di recupero e partono per viaggio on the road alla ricerca di loro stesse tra follia e fantasia.

“La pazza gioia” immagine dal web

 

 

 

 

 

 

 

APPUNTAMENTO presso CINETEATRO “IL PORTICO” Via Mons. Grisetti 1 (Oratorio) TREZZO SULL’ADDA
Ingresso libero

Be Sociable, Share!
Precedente DUE PROGETTI in un'unica direzione Successivo "Cara Ijeawele" di Chimamanda Ngozi Adichie ovvero 15 consigli per crescere una bambina femminista