“Ballata delle donne” di Edoardo Sanguineti

Les demoiselles d'Avignon Picasso

 

Les demoiselles d’Avignon (P.Picasso 1907)

Quando ci penso, che il tempo è passato,
le vecchie madri che ci hanno portato,
poi le ragazze, che furono amore,
e poi le mogli e le figlie e le nuore,
femmina penso, se penso una gioia:
pensarci il maschio, ci penso la noia.

Quando ci penso, che il tempo è venuto,
la partigiana che qui ha combattuto,
quella colpita, ferita una volta,
e quella morta, che abbiamo sepolta,
femmina penso, se penso la pace:
pensarci il maschio, pensare non piace.

Quando ci penso, che il tempo ritorna,
che arriva il giorno che il giorno raggiorna,
penso che è culla una pancia di donna,
e casa è pancia che tiene una gonna,
e pancia è cassa, che viene al finire,
che arriva il giorno che si va a dormire.

Perché la donna non è cielo, è terra
carne di terra che non vuole guerra:
è questa terra, che io fui seminato,
vita ho vissuto che dentro ho piantato,
qui cerco il caldo che il cuore ci sente,
la lunga notte che divento niente.

Femmina penso, se penso l’umano
la mia compagna, ti prendo per mano.

 

[Edoardo Sanguineti]

note:

Figlia, madre, nuora, sorella, amica, la donna è costantemente impegnata in una lotta. Eppure la sua battaglia è silenziosa, non impugna le armi, perché “femmina penso, se penso la pace”.

Il sudore di donna è acqua e concime per la terra sterile.

Sanguineti qui riesce in maniera singolare a costruire un discorso alla fine del quale ci convince che il motore del mondo indossa la gonna.

L’altro protagonista di questa poesia è il tempo: tempo che fu, tempo che è, tempo che sarà. E per ogni stadio del tempo un’immagine di donna. Nel tempo passato la femmina è la vecchia madre che ci ha portato e che è stata ragazza che ha amato, dunque la femmina è gioia. Nel presente la donna agisce e combatte, ma da partigiana, pertanto la femmina è pace. Nel tempo che verrà la donna è seme che dà alla terra frutto nuovo e buono. Per questo la femmina è pancia, culla, cassa.

Accantonata la secolare raffigurazione astratta e superiore che vuole il gentil sesso legato al cielo, qui invece la donna ha i suoi piedi ben piantati a terra, e ciò che viene valorizzato è un corpo di carne.

Nel finale il riassunto di tutto. La donna è il rifugio sicuro e il porto da cui ripartire. Ella è semplicemente, ma non banalmente, l’umano.

 

Be Sociable, Share!
Precedente Convenzione di Istanbul, cosa fa la legge contro la violenza sulle donne Successivo "Il buio oltre la siepe" di Harper Lee per ricordare Laura Prati

One thought on ““Ballata delle donne” di Edoardo Sanguineti

  1. Orazio Antonio Maltese il said:

    La donna porta nel grembo la vita e sulle spalle il peso del mondo.

I commenti sono chiusi.